Carciofi sott’olio

Tra i prodotti dell’orto, i Carciofi sono in cima alla lista dei più usati in cucina.
Oltre alle tante caratteristiche benefiche, il successo lo si deve anche al fatto che questi alimenti sono molto versatili. Tra le tante declinazioni del carciofo, c’è la variante sott’olio.
Questo metodo di conservazione e utilizzo è comune a tante altre verdure e ortaggi, come melanzane, peperoni e persino funghi.
Vediamo allora come fare i carciofi sott’olio, scoprendo passo dopo passo le tappe della preparazione. Preparare i carciofi sott’olio fatti in casa è davvero facile e veloce.
La ricetta è nota alla tradizione da decenni, ed è considerato il metodo di conservazione più naturale e gustoso per i carciofi. Prima di iniziare con la preparazione dei nostri amati carciofini, è importante seguire due tappe: il taglio e la pulitura dei carciofi e la sterilizzazione dei barattoli di vetro in cui poi li andrete a mettere. Una volta compiute queste operazioni, ricordatevi sempre di immergere i vostri carciofi lavati e tagliati in acqua e succo di limone, onde evitare l’ossidazione e l’annerimento. Il procedimento ora è semplice.
Ecco cosa vi serve per 1 chilo di carciofi.
Ingredienti:
1/2 litro di acqua
1/2 litro di aceto (potete usare anche quello di mele, ma è consigliato l’aceto di vino)
3 spicchi di aglio
sale q.b.
olio extravergine q.b.
spezie a piacere (vi consigliamo menta, alloro e prezzemolo)
Procedimento:
Mettete l’acqua e l’aceto a bollire in una pentola grande abbastanza da contenere anche i vostri carciofi. Salate una volta arrivati a ebollizione. Ora versate i carciofi, puliti e tagliati a vostri piacimento in precedenza (interi, a quarti, a metà, potete davvero sbizzarrirvi). Lasciate cuocere i carciofi per 8-10 minuti massimo, a fuoco medio-basso. In questo modo eviterete di renderli troppo molli, conservando una consistenza croccante. Trascorso il tempo consigliato, scolateli e lasciateli asciugare a testa in giù su un canovaccio pulito per 10-12 ore. Ora tagliate i vostri spicchi d’aglio in pezzetti piccoli, così come le spezie che avete scelto. Mettete i carciofi asciugati e scolati nei vasetti sterilizzati, con le spezie e l’aglio. Coprite tutto con abbondante olio d’oliva, prima di chiudere ermeticamente i barattoli. Riponeteli in un ambiente fresco e possibilmente asciutto. Basterà aspettare un paio di settimane prima di iniziare a gustare i vostri carciofi sott’olio fatti in casa. Con questo metodo i carciofini possono durare fino a 10-12 mesi. Ricordate in ogni caso che una volta aperti barattoli, i carciofi sott’olio andranno consumati nel giro di pochi giorni e, se necessario, conservati comunque in frigorifero.

 

Fine della conversazione in chat
Precedente Cornetti Pan di Stelle Successivo La Pastiera Napoletana